Blog

25Mar, 11

La Cassazione Civile (sentenza n. 3905/11) ha stabilito che il Giudice, nella determinazione dell’ammontare dell’assegno divorzile, deve tener conto di tutte le risultanze probatorie: per tale ragione la dichiarazione dei redditi costituisce un mero indizio di cui il Magistrato può anche scegliere di non tener conto quando, dalle restanti prove fornite dalle parti nel corso del giudizio, emerga adeguato accertamento delle effettive condizioni patrimoniali dei coniugi e delle esigenze di vita dei figli.

»» RICHIEDI CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO ««

Lascia un commento!

Nessun commento

Spiacenti ancora nessun commento

Lascia un Commento