Blog

30Giu, 10

La compagnia di telefonia mobile che informa il proprio cliente del cambiamento del suo piano telefonico attraverso l’invio di un sms, potrà essere sanzionata per pratica commerciale sleale. Questo è quanto statuito dalla recente sentenza n. 19892/2010 con la quale il Tar del Lazio ha chiarito come il cambio tariffario, essendo frutto di una decisione unilaterale della società telefonica, non possa essere imposto al consumatore e legittimi la sanzione per pratica commerciale sleale quando lo induca in errore non evidenziando chiaramente la natura dell’iniziativa od omettendo di comunicare il diritto di recesso entro 30 giorni dalla comunicazione.

»» RICHIEDI CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO ««

Lascia un commento!

Nessun commento

Spiacenti ancora nessun commento