Blog

9Gen, 15

Con la Sentenza n. 85056/14 la Cassazione civile ha sancito che il verbale degli agenti accertatori il quale attesti il superamento del limite di velocità è dotato di fede privilegiata fino a querela di falso. Questo significa che la contravvenzione è comunque legittima anche se manca la documentazione fotografica dell’infrazione contestata.

La Suprema Corte ha così motivato detta decisione: “in base al dettato letterale dell’articolo 4 del d.l. 121 del 2002 convertito nella legge 168 del 2002, nonché alla stregua di un’interpretazione logico-sistematica della medesima norma, l’accertamento delle infrazioni al codice della strada compiuto attraverso mezzi di rilevamento a distanza richiede, per essere valido, la documentazione fotografica dell’infrazione nei soli casi in cui i suddetti mezzi siano privi di assistenza da parte degli organi preposti al rilevamento delle infrazioni.” Conseguenza di tale orientamento è che, ove l’accertamento dell’infrazione al codice della strada sia personalmente rilevato dagli agenti, il verbale stesso è garanzia sufficiente dell’affidabilità della rilevazione.

Dunque, ai fini della legittimità della sanzione pecuniaria, è sufficiente l’accertamento, effettuato dagli agenti controllando sul display del Telelaser, del superamento dei limiti di velocità senza che sia obbligatorio consegnare al conducente né le foto del rilevamento dell’infrazione né lo scontrino rilasciato dal misuratore elettrico. Affinché la multa per eccesso di velocità sia valida è dunque sufficiente il verbale compilato dagli agenti accertatori, verbale che, comunque, deve contenere degli elementi essenziali della contestazione come la targa del veicolo e la norma violata.

In altre parole, l’accertamento delle infrazioni al codice della strada effettuato tramite i mezzi di rilevamento a distanza (tra cui il Telelaser) necessita, per essere valido, della documentazione fotografica dell’infrazione solo nei casi in cui i detti mezzi siano privi di assistenza da parte degli organi preposti al rilevamento delle infrazioni.  In presenza di agenti rilevatori, viceversa, la verbalizzazione da questi compiuta è garanzia sufficiente dell’affidabilità della rilevazione.

»» RICHIEDI CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO ««

Lascia un commento!

Nessun commento

Spiacenti ancora nessun commento