Blog

4Feb, 11

La Cassazione Penale, a Sezioni Unite, con la recentissima sentenza n. 1963/11 ha definitivamente risolto il contrasto tra l’art. 334 C.p. (sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro) e l’art. 213 C.d.S. (misura cautelare del sequestro e sanzione accessoria della confisca amministrativa) stabilendo che, nel caso di veicolo sequestrato, è la norma speciale a prevalere ed a dovere essere applicata. Ne consegue che la condotta di chi circola abusivamente con il veicolo sottoposto a sequestro amministrativo non integra reato, punibile anche con la reclusione, ma più semplicemente illecito amministrativo, punibile con una multa e con la sospensione della patente.

»» RICHIEDI CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO ««

Lascia un commento!

Nessun commento

Spiacenti ancora nessun commento

Lascia un Commento